Ferrata: Monte Cornetto

06/05/2018
  • /upld/eventi/small/Cornetto_010.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_029.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_046.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_048.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_049.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_073.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_082.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_084.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_093.jpg
  • /upld/eventi/small/Cornetto_129.jpg

Pullman da Piazzale Pancrazi, Faenza, (RA) - ore 5,00
DATA   Domenica 6 maggio
Titolo                       Ferrata: Monte Cornetto
Descrizione               L’avvicinamento: dal Passo parte il sentiero n.170, che ci accompagna nel primo tratto del nostro cammino. Il sentiero costeggia il lato ovest del Monte Baffelan dirigendosi verso nord in direzione della malga omonima. Nel primo tratto il percorso è molto turistico, con un leggero saliscendi che invita comitive di famiglie e amici a passare una piacevole domenica in mezzo alla natura. Giunti in prossimità della malga il sentiero inizia ad inerpicarsi facendoci intuire che il tempo della scampagnata sta finendo. Dopo aver preso un poco di quota ci troviamo di fronte al bivio con il sentiero n.176, che ci deve condurre al Passo degli Onari attraverso una serie di gallerie e tratti attrezzati. Dopo pochi minuti ci troviamo di fronte alla prima galleria, iniziamo ad attrezzarci con le torce elettriche e procediamo, piccola e stretta molto diversa da quelle che si possono trovare sulla più famosa Strada delle Gallerie del Monte Pasubio, subito a seguire la seconda, il sentiero si inerpica con pendenze non proibitive, anche se il fondo risulta molto friabile e in alcuni tratti franoso, come franose sono le gallerie, che a nostro giudizio richiederebbero una maggior cura, finalmente ci troviamo di fronte al primo tratto attrezzato.
La ferrata: brevissimo e non difficile anche se il fondo umido consiglia cautela, avanziamo ammirando la vallata sottostante che ci regala di tanto in tanto scorci panoramici veramente suggestivi, mentre il susseguirsi delle gallerie alleggerisce di molto la fatica della salita e quasi senza accorgerci arriviamo al passo degli Onari, al bivio con il sentiero n.149. Prendiamo in direzione nord verso la forcella del Cornetto; l’umidità e l’afa iniziano a farsi sentire, come iniziano a far capolino le prime nubi che salgono dal fondo valle; mentre saliamo la visibilità diminuisce e ci impedisce parte della panoramica sul versante orientale del Cornetto. Arriviamo alla forcella a 1825 metri, dove incrociamo il sentiero n.175, qui scopriamo la parte più “impegnativa” della via attrezzata, proprio in direzione della cima del monte Cornetto: un costone roccioso da superare con l’aiuto di due catene metalliche, il tratto è però molto breve e si supera senza eccessivo impegno se non con la dovuta e sempre consigliata cautela; superato il breve tratto attrezzato si prosegue su un sentiero che si inerpica con buona pendenza verso la meta, e in dieci minuti si giunge al bivio che precede l’ultima rampa che conduce alla cima, pochi metri ed è fatta, la croce è lì di fronte a noi, fantastico, dalla cima, 1899 metri, si può godere di un panorama a 360 gradi come poche montagne così facilmente accessibili possono offrire, peccato solo per la nebbia che ci toglie il piacere di poter ammirare gran parte della vallata ad est del monte Cornetto… La pausa pranzo di fronte ad un simile spettacolo è d’obbligo!
La discesa: a malincuore si riprende la via del ritorno, ripercorriamo i nostri passi fino al Passo degli Onari, dove proseguiamo lungo il sentiero n.149. Il percorso è un susseguirsi di saliscendi, tocchiamo prima il Passo del Baffelan, 1660 metri, e poi la forcella omonima, 1738 metri, attraversando alcune gallerie, curiosando in alcune postazioni della prima guerra mondiale e superando un paio di brevissimi tratti attrezzati. Dalla forcella inizia il tratto in discesa che conduce al rifugio Campogrosso, che noi abbiamo variato percorrendo un vecchio e franoso sentiero lungo un canalone che, con un notevole dislivello, conduce direttamente sulla strada del Re che porta al rifugio.
Partenza                ore 5,00, pullman da Piazzale Pancrazi, pranzo al sacco
Tempi                    ore 5,30
Dislivello                740 metri in salita e 450 metri in discesa
Difficoltà                EEA
Materiali                 Attrezzatura da ferrata
Iscrizioni                Da giovedì 29 marzo a giovedì 26 aprile, anticipo € 20
Accompagnatori      Alessandro Sportelli (cell.3474792623)